martedì 10 maggio 2016

10 cose da fare dopo aver finito di guardare Downton Abbey



Ormai erano come dei parenti, per me. 
Sì, certo, i classici parenti ricchi di cui scopri l'esistenza solo dopo che sono spirati, lasciandoti all'improvviso in eredità una tenuta con 3000 ettari di parco nelle campagne dello Yorkshire. Ma insomma, pur sempre parenti. 
E ora che non posso più condividere con loro gioie e dolori, cene e pettegolezzi, quello stile di vita mi manca e non ho più nessuno che mi porti la colazione a letto. Un trauma. 

Ecco perché ho stilato la lista delle dieci imperdibili cose da fare dopo aver salutato per l'ultima volta la famiglia Crawley ed essersi lasciati alle spalle il portone di Downton Abbey e Thomas in livrea. 


1. Sedersi alla toeletta e suonare il campanello affinché Anna venga a spazzolarti i capelli e prepararti per la notte. 

2. Scoprire, all'improvviso e con orrore, di non avere nessuna toeletta, nessuna cameriera personale e soprattutto di non essere Lady Mary. Rendersi conto, in realtà, di non possedere neppure una spazzola. 

3. Nonostante (o forse proprio A causa di) questo smacco del destino, invitare le amiche per un té delle cinque

4. Con le suddette amiche, o anche da soli davanti allo specchio, allenare il proprio wit, così che, una volta in società, si possano lanciare frecciatine in perfetto stile Lady Violet

4b. Dopo aver detto la battutina, ricordarsi di restare per un momento con quell'adorabile sorrisino sul volto, osservando compiaciuti la folla pietrificata dal fascino irresistibile della tua ironia. 

5. Organizzare una vacanza nei luoghi di Downton Abbey, stile pellegrinaggio.

6. Organizzare una cena in stile Downton Abbey. Va da sé che l'etichetta richiede di invitare a restare come ospite, per giorni e giorni, qualunque persona più o meno benestante che si trovi a passare dalle parti di casa anche solo per fare un saluto. 

7. Organizzare una festa a tema Downton Abbey
Ho già deciso che io e la mia amica Stefania ci vestiremo così:



Poi per essere credibili dovremmo dirci cattiverie per tutta la serata, ma almeno lo faremmo con indosso dei meravigliosi abiti anni '20.

8. Nei momenti di malinconia, ascoltare a ripetizione la sigla di apertura della serie, fino a che questa non si insinuerà così profondamente nel cervello da diventare la colonna sonora di qualsiasi momento della propria giornata. 

9. Dedicarsi a lavori di casa mai fatti prima, ma di indubbia utilità, come la pratica della stiratura dei quotidiani

10. Iniziare una nuova serie. 

10b. Convincere in tutti i modi Stefania che no, non è ancora il momento di Games of Thrones.
 

14 commenti:

  1. Anch'io ero tristissima :(
    Mi sono ripresa grazie a un afternoon tea in quel di Londra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti credo che ne organizzerò presto uno...anche senza andare a Londra! Urge rimedio.

      Elimina
    2. Armati di ricette per gli scones e un buon té e sei a cavallo..
      Ma quanto sarebbe divertente organizzarne uno in costume?

      Elimina
    3. Io e un paio di amiche abbiamo già iniziato a parlarne, quindi direi che prima o poi si farà :D

      Elimina
  2. Accidenti è vero... Mi sono dimenticata di stirare i giornali ultimamente :D :D!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudia! E come hai fatto a leggerli finora?

      Elimina
  3. Beh! Magari noi potremmo stirare gli asciugamani...altrettanto inutile.
    Per il tè vengo anch'io.
    Baci
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tè infatti è da organizzare al più presto. Magari sotto il tiglio :)

      Baci!

      Elimina
  4. Ottimo decalogo. Metterò in pratica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D bisogna sopravviere alla mancanza, in qualche modo!

      Elimina
  5. Io sono ancora all'inizio della seconda serie (idem per Breaking Bad) ma concordo già con molti dei punti che hai elencato!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho finito entrambi e ti dico che il vuoto l'ho sentito parecchio! :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...