venerdì 28 aprile 2017

Cosa fare dopo essersi lasciati


Cercando "cuori infranti" su siti di stock
 unsplash.com/@calebfrith


Un post collaborativo e solidale

Se mi seguite sulla mia spoglia pagina facebook avrete senz'altro letto l'accorato appello che vi ho rivolto una manciata di giorni or sono:


Ebbene, i consigli sono giunti copiosi. Oh mio fedele nugolo di lettori, non posso che ringraziarti, a nome mio e del succitato cuore infranto che, sono certa, apprezzerà il nostro comune sforzo di tirarlo fuori dal baratro. 
Oggi, per voi tutti, ma in particolare per te, cuore spezzato, un elenco di buone pratiche per affrontare la vita dopo la fine di una relazione!

Cosa fare dopo essersi lasciati?

Come Cioè, ma senza collarino anni '90 in regalo

1. Versare tutte le proprie lacrime
Michael consiglia di ispirarsi a Battisti e disidratarsi l'anima sulle note di "Piangerò, piangerò, sì, io piangerò". Dedicarsi alla pratica da dopo pranzo a dopo cena, poi andare a dormire. Il giorno dopo ci si risveglierà sotto forma di rosa, pronti a passare al punto numero due ovvero:

2. Cambiare look
Lucia, altresì conosciuta sotto l'appellativo di Mia Madre, sfodera un grande classico: recarsi dal parrucchiere di fiducia e cambiare look.

3. Regressione nei dolci anni dell'adolescenza 
Esiste forse un modo migliore per riconnettersi alla propria parte più viscerale ed emotiva se non riascoltando le malinconiche melodie su cui si era soliti crogiolarsi negli anni dell'adolescenza? 
Ada è lapidaria: "Alcol, rock'n'roll, regressione adolescenziale. Ripetere se necessario."
Cuore infranto, provaci. Al massimo ti chiederai come facessi ad ascoltare sempre gli stessi tre album a ripetizione e a trovarli ogni volta sorprendenti.

4. Sfogarsi con un sano attacco di rabbia liberatoria 
Elena non ha dubbi: la soluzione è maledire. Anche i passanti anonimi. 

5. Riprendere il contatto con se stessi 
Sara ci dona un consiglio corroborante: "Dedicarsi a cose che si adora fare, che ricaricano e rigenerano. Darsi tanto tempo e pazienza. Tanta. Sfogarsi con movimento fisico al sole e all'aria aperta. Cercare distrazione e impegnarsi per ridere cogliendo ogni occasione possibile!".
Siamo anche in primavera, cuore infranto: approfittane.

6. La soluzione per tutti i mali
Elena lo sa - e io con lei - che la soluzione ideale esiste ed è camminare. In montagna o dove si vuole, ma camminare. 

7. Dolcezze di vario tipo e stazza
Ascoltami bene, cuore infranto: Giulia ti propone un pacchetto completo composto da mousse al cioccolato, partite di rugby e un'amica cinica a scelta.
Aggiunge inoltre che "se riesci a sentirti triste mentre guardi gli All Blacks sei veramente strana/o". Osservare con intensità partite di rugby è considerato un valido aiuto anche per Francesca, che rilascia tale testimonianza: "Per un cuore infranto mi sembra opportuno avvicinarsi al rugby conoscendo prima di tutto i giocatori".

E per oggi dalla Posta del Cuore tra le nuvole è tutto! Se avete altri consigli da elargire, lo spazio dei commenti è tutto vostro.
Speriamo di essere riusciti ad alleviare le tue afflizioni amorose, cuore spezzato.
Torna e facci sapere com'è andata!

2 commenti:

  1. Arrivo tardi... ma a una sessione di film romantici, dal finale triste, per coadiuvare il punto uno, non rinuncerei.
    Titoli? Questi tra i film che ho visto, ma ce ne sono a bizzeffe, basta cercare in rete "film romantici, tristi, strappalacrime":
    Come eravamo in testa, Casablanca, Love story (per quelli di una certa età)... Titanic, Romeo + Giulietta, Autumn in New York, I ponti di Madison County (bruttino ma basta che si piange), I segreti di Brokeback mountain...
    Il resto a voi.
    Baci
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consiglio ottimo!!! Un po' di film strappalacrime in effetti mancavano nella lista. Basta che si piange ;)

      Baci a te Francesca!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...